Come monitorare le performance del proprio sito? Ecco 3 consigli…

Google Tag Manager è un tool gratuito di Google, che consente di gestire e installare TAG (snippet di codice) all’interno di un sito web, operazione molto utile per effettuare l’analisi del traffico e l’ottimizzazione di campagne marketing.Con Google Tag Manager è possibile evitare l’inserimento di ogni specifico tag (Facebok Pixel, codice AdWords e molti altri) creando un unico snippet di codice in grado di monitorare il comportamento degli utenti che accedono al sito. Una volta installato, consente di inserire e modificare al meglio tutti i codici inseriti al suo interno senza cambiare ogni volta il sito che lo contiene . Google Tag Manager è uno strumento fondamentale per garantire flessibilità e immediatezza nelle modifiche dei codici di tracciamento delle conversioni o degli utenti che arrivano sul sito tramite specifiche campagne di comunicazione.

Strumento di analisi più famoso è Analytics, sempre sviluppato da Google. Analytics è un vero e proprio quadro che mostra le statistiche e i dati relativi agli accessi degli utenti nel proprio sito internet analizzabili in base a tempi specifici. L’interfaccia di Google Analytics è divisa in sezioni e permette di monitorare facilmente le azioni degli utenti, le modalità con cui sono arrivati a visitare il sito web e quali pagine hanno visitato. Punto di forza di Google Analytics è di supportare nello sviluppo obiettivi di marketing e comunicazione basati sull’efficacia e sul rendimento.

Un altro strumento da tenere in considerazione per generare conversioni è la costruzione di una Landing Page: una pagina web specificamente strutturata che il visitatore raggiunge dopo aver cliccato un link o una pubblicità. Questa pagina è sviluppata per trattare specifici argomenti: mostra contenuti che sono un’estensione del link o della pubblicità ed è ottimizzata per una specifica parola chiave, o frase. L’obiettivo è di garantire alti tassi di conversione trasformando gli utenti in clienti.

Trattandosi di uno strumento versatile, la sua realizzazione, a livello di struttura e contenuto, richiede un’analisi in grado di tener conto di diversi aspetti in base al target di riferimento. Ogni tipologia di utenti potrebbe richiedere una landing page diversa, sia nel layout, che nei contenuti per convertire al massimo gli utenti. Per questo motivo una landing page è spesso personalizzata per campagne pay per click, in modo che il suo contenuto sia il più possibile prossimo a quanto cercato sul motore di ricerca.