Visual Listening: come individuare i brand nei contenuti visivi

Il Social Listening è un’attività che permette di analizzare la reputazione online di un brand attraverso “l’ascolto” delle conversazioni generate dagli utenti e ottenere dati importanti sulle performance aziendali. Ma cosa accade quando le conversazioni si diffondono indirettamente tramite contenuti di natura visiva?

In un panorama social sempre più orientato al visual, raccogliere dati dalle conversazioni non è più sufficiente per sviluppare strategie orientate agli utenti e i brand dovrebbero poter monitorare la propria presenza “nascosta” anche nelle immagini.

A questo scopo, nasce il Visual Listening, uno screening che consente di monitorare i contenuti visivi social che contengono riferimenti ai brand, anche in assenza di chiari riferimenti testuali. Se, ad esempio, ci trovassimo di fronte un post contenente la borsa X ma con un altro soggetto principale, il brand X potrebbe perdere l’occasione di beneficiare di quel contenuto spontaneo e di azioni di engagement relative a quello specifico post. O ancora, se la borsa X comparisse in un post che recita “Ogni volta che vado in vacanza, non riesco rinunciare alla mia borsa preferita” sarebbe un’occasione persa per entrare in contatto con un consumatore fidelizzato. Con un’adeguata attività di Visual Listening, il risultato sarebbe totalmente diverso  e stimolerebbe nuove azioni di marketing aziendale.

Non solo. Non monitorare contenuti positivi sarebbe una grande perdita ma non monitorare contenuti negativi potrebbe essere addirittura un danno! Se la foto in questione violasse la policy del social o associasse il brand a contenuti inappropriati, sarebbe opportuno venirne a conoscenza per arginare la situazione ed evitare che il brand sia usato a sproposito.

Buona parte delle immagini sui social ritraggono un logo senza che vi sia una menzione testuale e così rischi e opportunità passano in modo indisturbato attraverso le immagini.

Per tali ragioni il Social Listening è importante per comprendere le opportunità di customer engagementinfluencer marketing e anche per individuare eventuali rischi legati alla sicurezza e alla reputazione del proprio brand.

Quali tool possono essere d’aiuto per il Visual Listening? Ne esistono diversi, ciascuno in grado di analizzare le immagini con modalità e features differenti. Ecco quali sono i più utilizzati dalle aziende con la possibilità di scaricare una demo gratuita:

Clarifai è un tool che analizza immagini e video grazie a un ricco set di impostazioni su cui lavorare liberamente e con un alto grado di personalizzazione: si può procedere tramite tag, contenuto visuale simile o parole chiave. Brandwatch Image Insights è ottimizzato per  brand e agenzie e consente di individuare qualunque tipo di logo presente nelle immagini, con un altissimo livello di accuratezza e un’ampia copertura di immagini. LogoGrab, invece, individua la presenza di loghi in immagini e video, anche quando sono parziali o modificati, ed è utilizzato da brand come McDonald’s, Heineken, Nestlé.