La bellezza vien mangiando: benessere e cura dei capelli con gli integratori alimentari

La salute di pelle e capelli e l’integrazione alimentare legate. In particolare nei capelli, come si sa, è presente la cheratina, proteina nota come sostanza capace di rinforzarli. Se si pensa che questa stessa sostanza è costituita da due amminoacidi essenziali, la cistina e la lisina, chiamati essenziali proprio perché l’organismo non è in grado di produrli da solo, allora diventa importante comprendere come questi elementi possano essere integrati attraverso l’ alimentazione o gli integratori.

2015-11-09 04.32.59 pmDa AIDECO – Associazione Italiana Dermatologia e Cosmetologia – arriva una ricerca, presentata in occasione dell’VIII Convegno Nazionale, che ha posto l’accento sull’utilizzo degli integratori alimentari nel mondo della cosmesi e sul ruolo da questi svolto a favore della salute del cuoio capelluto e della pelle in generale.

Come sottolineato dal Professor Leonardo Celleno – Presidente di AIDECO – ciò che emerge dalle statistiche sui consumatori è che, oltre alla costante ricerca di salute, aumenta sempre di più l’interesse verso il benessere cutaneo, anche come sinonimo di bellezza.

Gli integratori alimentari sono largamente diffusi e i dermatologi di tutto il mondo ricorrono a questi prodotti per curare numerose affezioni e patologie cutanee legate all’estetica oltre che alla salute dell’individuo, come la caduta dei capelli o il foto-invecchiamento. Infatti, molte alterazioni dermatologiche come alopecie disfunzionali, distrofie ungueali, alterazioni della cheratinizzazione (ittiosi, psoriasi…), dermatosi infiammatorie croniche (atopia, eczemi) e invecchiamento cutaneo possono essere prevenute e limitate proprio attraverso l’integrazione alimentare.

Otto italiani su dieci hanno usato almeno un integratore nell’ultimo anno. “Ma attenzione – afferma il prof. Leonardo Celleno – l’uso degli integratori dovrebbe essere specifico, mirato ad un concreto bisogno e guidato dai risultati ottenuti in studi scientifici seri. Di alcune sostanze il nostro organismo non può utilizzarne più di una certa quantità e l’eccesso si traduce in un accumulo dannoso o inutile. Deve essere il medico che ci indirizza e controlla i risultati dell’integrazione alimentare (che oltretutto può variare in necessità da un individuo all’altro) e non può certamente essere uguale per tutti i tipi di problemi”.

2015-11-09 04.57.24 pmTra gli integratori utili a contrastare diverse patologie legate alla chioma, a seconda dei casi e a discrezione del medico, troviamo L-Cistina, vitamina B5, Ferro, Cheratina idrolizzata, Zinco, Vitamina PP, Vitamina E, Vitamine B5-B6-B8 e Zinco. Nello specifico, la caduta di capelli – fino a un centinaio al giorno per le chiome più folte – va considerata un normale processo fisiologico di ricambio della capigliatura. Molte volte però, soprattutto in questo periodo dell’anno, la caduta dei capelli è più intensa del normale e individuarne la causa può richiedere il consulto di un esperto. Tecnicamente si indica una caduta anormale dei capelli senza la comparsa di aree glabre – causata da un evento stressante psichico o fisico – con il termine di telogen effluvio. Si tratta di un fenomeno che colpisce prevalentemente la donna e consiste in un aumento temporaneo della caduta che interessa tutto il cuoio capelluto, comprese le parti laterali e posteriori della testa. Le cause possono essere molteplici associate ad un arresto delle mitosi pilari, dove dalla sincronizzazione dei cicli si riesce a comprendere quanto sia grave l’evento e di conseguenza quanti capelli perderà il soggetto. Altre cause sono trauma, chemioterapia, operazioni subite e stress, carenze o eccesso di ormoni tiroidei (ipotiroidismo o ipertiroidismo), ipervitaminosi da vitamina A, carenze proteiche nutrizionali, anemia sideropenica (da carenza di ferro) e carenza di oligoelementi (selenio, zinco, etc).

per approfondimenti sull’Associazione Italiana Dermatologia e Cosmetologia www.aideco.org

Faccia da autunno? No grazie! Ecco come rigenerare la pelle del viso

Con l’arrivo dell’autunno, oltre al cambio di stagione nell’armadio, anche la pelle richiede cure e trattamenti diversi.

Dopo i mesi estivi, l’epidermide – in particolar modo quella del viso – risulta più stressata e secca, complici i raggi solari, il caldo e qualche ora di sonno persa a fare festa…L’autunno è il periodo migliore per coccolare la pelle e affrontare l’inverno con un’incarnato luminoso e fresco.images

Il corpo cambia in sintonia con i ritmi della natura.  L’abbassamento della temperatura provoca una costrizione dei vasi sanguigni, la circolazione rallenta e alla pelle arriva meno ossigeno. Anche le polveri sottili, presenti soprattutto negli ambienti metropolitani, alterano il film idrolipidico, è quindi importante prevenire disidratazione e inquinamento, con cosmetici particolarmente emollienti e ricchi di antiossidanti.

Pelle di pesca
Il colorito spento è un chiaro segnale di disidratazione. La soluzione è bere a intervalli regolari anche fuori pasto. Aumentare il consumo di frutta e verdura fresche, anche sottoforma di centrifugati (mela, carota, spinaci, sedano e limone). Il consiglio in più: tenere a vista, sulla scrivania o in camera da letto, una bomboletta di acqua termale da vaporizzare su viso, collo e mani più volte al giorno.

Per chi ha la carnagione molto chiara – facilmente soggetto alla comparsa di lentiggini – si consiglia l’utilizzo di creme idratanti in combinazione a prodotti contenenti acido glicolico, utile ad uniformare l’incarnato. Inoltre, se la tendenza della pelle è quella di macchiarsi facilmente, è opportuno proseguire la quotidiana idratazione del viso con creme a fattore di protezione solare per tutto l’arco dell’anno. Abituatevi a utilizzare anche un siero nutriente per la notte, vi donerà morbidezza e luminosità al risveglio.

lips-collection_17Labbra di zucchero

Le labbra sono tra le parti più sensibili del viso, spesso restano umide e con il freddo diventano fragili e soggette a screpolature. Oltre ad idratarle con balsami specifici e/o rossetti a base di principi lenitivi e nutrienti, a inizio stagione è consigliato uno scrub a base di zucchero: massaggiare delicatamente con un impasto di zucchero grezzo e burro di karité, sciacquare con acqua tiepida, tamponare leggermente e stendere uno strato spesso di burro di karité sulle labbra e sul contorno. Lasciare in posa per 20 minuti, poi eliminare con una velina prima di passare al trucco.

Pronte a rigenerarvi?

I 5 cibi amici della TINTARELLA

Agosto si avvicina! Amanti dell’abbronzatura? Niente paura, se non avete tempo a sufficienza per andare al mare o soffrite all’idea di trascorrere ore ed ore sdraiati al sole… il cibo può esservi d’aiuto.

Sudare sotto i raggi di un sole rovente per sfoggiare un colorito diverso dal bianco latte, per molti, non è il massimo del relax. Al di là delle solite creme abbronzanti o di spray che colorano solo per qualche ora c’è una soluzione molto più salutare…e gustosa!

L’alimentazione può aiutare la nostra pelle ad essere più sana, più bella e, soprattutto, più colorata e predisposta all’abbronzatura. A quanto pare ciò che mangiamo è efficace per il nostro corpo tanto quanto quello che ci spalmiamo sopra, se non di più. Il segreto? È il beta-carotene, contenuto in molti frutti e verdure di colore rosso-arancione. Questa sostanza, una volta assunta dall’organismo, viene convertita in vitamina A e promuove la formazione della melanina, alleata numero uno della tintarella.

Non solo cibi di colore rosso o arancio: l’abbronzatura è stimolata anche da molti altri cibi di colore diverso, contenenti beta-carotene. Eccone 5 che, se mangiati regolarmente durante l’anno, aiutano la pelle ad essere più sana e meno pallida.

1. Carotecop

La grande quantità di beta-carotene che le carote contengono favorisce il rilascio di melanina. Consumandole regolarmente e con moderazione, la nostra pelle sarà più sana e colorita. I buoni effetti del consumo di carote non finiscono qui: ne sono riconosciuti benefici cardiovascolari e per di grande auto per la vista.

2. Patate dolcipatate-dolci-americane-proprieta-benefici

Le patate dolci contengono molte fibre e pochissime calorie e sono ideali per una dieta sana ed equilibrata. Non solo! Questi vegetali pieni di vitamina A, hanno capacità antinfiammatorie, antibatteriche e regolano lo zucchero nel sangue.

3. PeperoniAbbronzatura_peperoni

I peperoni, specialmente quelli rossi, contengono una buona quantità di carotenoidi. Sembra, infatti, che un solo peperone rosso offra al nostro corpo più di tre volte la dose quotidiana di vitamina C.

4. Zucca

ZUCCAIn una dieta equilibrata, anche la zucca dovrebbe essere consumata regolarmente. Oltre a contenere una grande quantità di beta-carotene, non tutti sanno che il succo di zucca può essere utilizzato come bevanda diuretica, ottima per combattere gli inestetismi della pelle

5. Cavolo neroAbbronzatura_cavolo_nero

Oltre ad essere buonissimo e utile per realizzare ricette di diverso tipo, questa verdura anche se scura, è ricca di anti ossidanti, sali minerali e vitamina C. Ecco perché dovrebbe essere una presenza fissa nella nostra dieta, se si pensa non solo all’azione benefica sulla pelle, ma su tutto il nostro corpo.

A A… Abbronzatissimi

A tempo di Relax…piccoli consigli per tenere lontano lo stress!

Ritmi di vita frenetici, stress, ansia e ipertensione sono spesso causa di alterazione dei naturali ritmi del sonno. Dormire bene è importante non solo per mantenersi in salute: il buon sonno è anche un vero e proprio alleato della bellezza. Dopo un buon riposo l’espressione del viso appare più rilassata, la pelle è distesa e il corpo gode di una sensazione di relax generale. Il ricorso a medicinali o ansiolitici, per combattere episodi d’insonnia, molto spesso può “tamponare” la situazione, senza però rimuovere il problema alla radice.

Per garantire un equilibrio psico-fisico è bene regolarizzare anche i ritmi diurni, oltre a quelli notturni. Molte volte sembra di vivere giornate più corte del solito solo perché non si ha il tempo di fare qualcosa che non sia un dovere ma un piacere per noi stessi.

Lo stress è parte integrante della nostra vita e della nostra società.

Ecco alcuni piccoli accorgimenti per  fronteggiarlo, gestirlo e  metabolizzarlo  meglio, armonizzando gli squilibri  emozionali, in maniera naturale e  non  invasiva.

  √ Torni a caImmagine1sa solo per dormire? Fai della stanza da letto la tua isola di pace! Colori chiari per le pareti, luci soffuse e candele per riposare gli occhi, incensi e lavanda per profumare l’ambiente…lo stress aspetterà fuori!

 √ Troppe cose da fare? Scrivi una lista delle priorità, scoprirai che qualcosa può aspettare

 √ Ti sembra di non avere mai tempo per te? Ritaglia un momento di piacevole routine…puoi iniziare dalla colazione!

 √ La tua giornata sembra quella del “bianconiglio”? Rincorrere il tempo è causa di stress ma correre a tempo è un buon metodo per scaricare la tensione. Non serve andare in palestra per staccare la spina. Prova a concederti mezz’ora al giorno all’aria aperta, se le tue gambe fanno fatica puoi iniziare camminando e aumentare il ritmo di volta in volta.

 √ Sonno arretrato da recuperare? Regolarizza il ritmo giorno-notte. Il trucco è alzarsi presto al mattino e andare a dormire entro la mezzanotte.

 √ Ti senti elettrica/o? Nelle tue amate pause, riduci l’assunzione di caffè e thé  e prova ad alternarli a tisane rilassanti.

 √ Vorresti scappare in un centro benessere? Quando sei a casa invece della doccia flash riempi di schiuma la vasca da bagno, il tuo corpo sarà felice di rilassarsi. 

 
Mens sana, in corpore sano!