Ecobio, in Italia la cosmesi è sempre più green

Il totale dei consumi di cosmetici in Europa è pari a 2 milioni di tonnellate per anno; ogni giorno vengono immesse nell’ambiente 5.100 tonnellate di prodotti cosmetici. Un utilizzo ingente e costante, per cui era chiaro che, in un’epoca così orientata al biologico, risultasse spontaneo valutarne origine ed effetti.

naturkosmetikDall’entrata in vigore del Regolamento Europeo 1223/2009 sui prodotti cosmetici si presta sempre più attenzione alla potenziale tossicità degli ingredienti che caratterizzano questi prodotti.

Il consumatore al giorno d’oggi va alla ricerca costante di quei prodotti definiti “naturali, biologici ed ecologici”, che siano quindi compatibili non solo con il proprio corpo ma anche con l’ambiente circostante.

Prima di parlare di Cosmetici EcoBio, facciamo il punto della situazione stabilendo le sostanziali differenze tra un prodotto ed un altro. Premesso che non esiste ancora una certificazione ufficiale sui prodotti biologici al 100% e che fino ad ora l’unico obbligo legislativo è quello di considerare come BIOLOGICO un prodotto che contiene almeno il 95% di ingredienti provenienti da agricoltura biologica. La certificazione BIO è quindi rilasciata a seguito di scrupolosi controlli chimico-fisici e severe valutazioni sull’intero processo produttivo biologico, sugli ingredienti e sul prodotto finito, secondo quanto stabilito dal Regolamento (UE) 834/2007.

Il mercato della cosmesi naturale continua a crescere a ritmi sostenuti (Organi Monitor stima in Europa una crescita del +7% nel 2015 rispetto all’anno precedente), con maggiore frequenza. Sugli scaffali sono sempre più presenti cosmetici naturali ed eco biologici, e una proliferazione di aziende e marche si rivolgono a questo settore (Organic Monitor stima un mercato per i cosmetici naturali in Italia di circa 400 milioni di Euro).

Nel 2014, secondo Federbio, il fatturato relativo all’alimentazione biologica è cresciuto dell’8% rispetto al 2013. Secondo l’ultimo rapporto presentato il 1° luglio 2015 a Expo dal Gruppo cosmetici erboristeria di Cosmetica Italia, il 25 % dei consumatori è attratto dai preparati bio, green e naturali. La cosmesi del futuro dunque sembra essere sempre più «verde» e sensibile all’ambiente e alla trazione vegetale.