YouTube batte Facebook nella classifica dei social media in Italia

Per alcuni può sembrare davvero strano, ma Facebook non è il social più usato in Italia dall’inizio dell’anno

Almeno secondo i risultati dell’indagine di Hootsuite che vede il social media per eccellenza in seconda posizione.

La medaglia d’oro spetta a YouTube, usato, secondo la ricerca, dal 57% degli italiani anche oltre i 30 anni. Facebook si attesta in seconda posizione, con una differenza del 2% e con la caratteristica di essere sempre più usato anche per aspetti ludici e non più esclusivamente come mezzo per collegare una rete di persone.

Continua a leggere

Caffè: una bevanda a cui (quasi) tutto il mondo non sa rinunciare

Ospite immancabile di ogni tavola e situazione, il caffè è spesso collegato al Bel Paese e alle sue tradizioni che richiamano alla mente il gusto di un buon Espresso.

Noto ai veneziani fin dal 1570, il caffè comincia a essere consumato nelle città italiane solo all’inizio del Seicento. Dopo l’Italia il caffè arriva in Francia, dove compare a Marsiglia nel 1664 e di qui si diffonde fino a Parigi. Nel giro di pochi anni è conosciuto in tutta Europa e ovunque nascono luoghi di degustazione.storia7

Il costo della bevanda era all’inizio molto alto e solo i ricchi potevano permettersi il lusso di acquistarlo. Agli inizi del Settecento bere caffè diventa in quasi tutti i paesi nordeuropei una moda, un cerimoniale tutto aristocratico fatto di bon ton, servizi di porcellana creati ad hoc e la degustazioni. Le botteghe dove è possibile bere la stimolante bevanda consentono all’aristocrazia e alla borghesia di mescolarsi l’una con l’altra, di ritrovarsi faccia a faccia a parlare di politica. Da luoghi della mondanità i caffè diventano un centro per scambiarsi idee.

Nel corso del tempo l’Italia è poi diventata l’ambasciatore ufficiale della filosofia dell’espresso, nato non a Napoli come molti credono erroneamente ma a Torino, a seguito dell’invenzione della macchina per produrlo brevettata da Angelo Moribondo nel 1884. Un lusso made in Italy che ha saputo conquistare il gusto di tutto il mondo e influenzare il settore del food e degli accessori. Basti pensare alle boutique della svizzera Nespresso con capsule che racchiudono i migliori caffè del mondo, miscelati, torrefatti e macinati con maestria per ogni gusto e capriccio.

Ma attenzione, per trasformare il semplice gesto di bere un espresso in una degustazione indimenticabile, secondo l’Università del Caffè di Illy Caffè, è necessario utilizzare tutti e cinque sensi.

tazzina-caffeVista: l’espressione più evidente e caratteristica di un espresso perfetto è la crema. Consistente e durevole, una buona crema è indice di un espresso di qualità, estratto a regola d’arte.

Olfatto: in un’ispirazione intensa, le note aromatiche del caffè accarezzano e stimolano i sensi.

Gusto: la degustazione del caffè avviene utilizzando il goûte cafè, un apposito cucchiaio ricurvo creato appositamente per facilitare l’analisi sensoriale. Quando si assaggia, il liquido va aspirato dal cucchiaio e “nebulizzato” sul palato, in modo che il caffè prenda la forma di microbolle che entrano in contatto con le papille gustative più facilmente.

Tatto: gli olii e gli zuccheri presenti nel caffè offrono una piacevole morbidezza al palato, che viene identificata come corposità. L’astringenza è invece una percezione tattile-linguale di caffè di scarsa qualità e dell’espresso sovraestratto.

Udito: se la degustazione è un’arte, soggettività e memoria personale ricoprono un ruolo decisivo che porta i quattro sensi chiamati in causa a coinvolgere anche il quinto. La degustazione si arricchisce quindi dei rumori del bar, del tintinnio della porcellana di piattini e tazzine e dei commenti dei degustatori. Suoni che si imprimeranno nella memoria.la-banda-degli-onesti Un’esperienza sensoriale unica!

Per saperne di più leggi “Il lusso di un buon espresso” su Lusso Style di settembre

www.lussostyle.it

 

 

 

 

 

 

 

 

Las Vegan

Novità per l’estate 2015, la prima guida turistica italiana pensata ad hoc per i vegani: “Viaggia Vegan” raccoglie agriturismi, gelaterie, ristoranti, b&b, gastronomie e hotel, tutti rigorosamente vegan, eco e local.

Realizzata dall’associazione Food Vibration Onlus, la guida nasce dall’esperienza dell’omonimo portale di turismo enogastronomico Foodvibration.it – online dallo scorso anno – che recensisce 130 strutture presenti nelle diverse Regioni d’Italia che adottano una filosofia vegan food.

veganLa guida offre un’idea di viaggio diversa, mirata prima di tutto al mangiare e al dormire bene in un’ottica 100%. Uno strumento operativo per far conoscere posti in Italia dove alloggiare e mangiare sposando un concetto di enogastronomia superiore, più etica e più sostenibile. Vittorio Curtarello – presidente dell’associazione – ha spiegato che l’intento del progetto è quello di cercare chi sul territorio esprime questo tipo di cucina, per poi riproporlo agli utenti in un’ottica turistica e offrendo così un tema di viaggio diverso dal solito.

La guida segnala solo strutture che garantiscono una gestione vegana sposata anche da chi ne è a capo, da chi ha fatto una scelta professionale in seguito ad una scelta personale e quindi molto preparato sui temi dell’alimentazione veg.

Per ogni struttura segnalata la guida fornisce una serie di informazioni pratiche – dall’indirizzo al numero di telefono per le prenotazioni fino al costo medio – ma anche indicazioni analitiche sulla percentuale degli alimenti biologici e a km 0, disponibili nei luoghi che si andranno a visitare oltre che un’accurata descrizione del tipo di cucina offerta, del menu e delle eventuali attività ludiche connesse.

Stampata su carta ecologica e con l’uso di inchiostri vegetali, “Viaggia Vegan”, è acquistabile in libreria e nei negozi di alimenti biologici.

Welcome to Las Vegan!

 

#TOP OF THE WEEK: dal 13 al 19 aprile

In agenda dal 13 al 19 aprile #TOP OF THE WEEK segnala:

ROMA

libriLibri al Centro

Dal 13 al 19 aprile | Viale Palmiro Togliatti 2

Torna il festival letterario per una settimana intera da lunedì 13 a domenica 19 aprile 2015. Forte dei risultati registrati lo scorso anno per affluenza di pubblico e interesse suscitato, ha l’obiettivo di stare ancora in mezzo alla folla con gli autori più prestigiosi.

www.librialcentro.com

LOCANDINA_Festival_cinema_2015VI° Festival Internazionale Del Cinema Patologico

Dal 15 al 19 aprile | Teatro Patologico di Dario D’Ambrosi – Via Cassia 472

Un’iniziativa che intende promuovere il giovane cinema italiano e straniero ed attivare sinergie tra il mondo del cinema ed ambienti in cui si lavora sul disagio mentale e sociale, convinti che questo possa contribuire ad un’evoluzione del linguaggio cinematografico.

www.teatropatologico.org/festival-internazionale-cinema-patologico-2015/

 

BOLOGNA

Orti Urbani – Flower MarketOrto-ordinato

Dal 12 al 26 aprile | Le Piazze – Via Pio La Torre

Una rassegna tutta green per tre domeniche, a partire dal 12 aprile, con il mercatino di fiori e piante da orto allestito da Urban Flower, i laboratori creativi gratuiti pomeridiani per bambini e bambine e tutta la musica live della Banda Rei, per accompagnare la clientela nel vivo della bella stagione.

http://www.bolognatoday.it/eventi/cultura/orti-urbani-laboratori-e-tanta-musica-a-castel-maggiore.html

NAPOLI

napoli_san_gennaro_0Il Tesoro di Napoli, I Capolavori del Museo di San Gennaro per Napoli

17 aprile | Via Duomo 149

Il Tesoro di Napoli, I Capolavori del Museo di San Gennaro per Napoli” è il titolo scelto per questo appuntamento espositivo, a cura del direttore del museo Paolo Jorio, che permetterà anche per tutto il 2015 a migliaia di turisti e pellegrini di visitare il museo con i suoi tesori, pagando un biglietto d’ingresso ridotto di cinque euro, rispetto ai dieci previsti finora.

www.ecampania.it/napoli/eventi/capolavori-tesoro-san-gennaro-tutto-loro-splendore

Le Strade della Mozzarellamozza

Dal 13 al 14 aprile | Paestum

Tra gli eventi di enogastronomia più attesi e seguiti dell’anno, Le Strade della Mozzarella si conferma un appuntamento di confronto e dialogo sull’alta cucina che interpreta ed indaga le frontiere di uno dei formaggi più amati al mondo.

www.lestradedellamozzarella.it/

MILANO

mvw_2015Milano Vintage Week

Dal 16 al 19 aprile| Via Giovanni Battista Piranesi 4

La kermesse del vintage di qualità in collaborazione con A.N.G.E.LO., un’occasione unica per acquistare capi e accessori d’annata, ma anche una full immersion nella storia del costume degli ultimi sessant’anni.

www.milanovintageweek.com/it/

0000401201_AD_Salone_2014_I

 

Salone del Mobile

Dal 14 al 19 aprile| Via Giovanni Battista Piranesi 4

Qualità e innovazione, oltre a importanti eventi collaterali e una completa e ampia offerta merceologica sono gli ingredienti che contribuiscono a rendere il Salone l’evento da non perdere.

salonemilano.it/it-it/

 

SARDEGNA

sardegnaFelici in bici

Dal 18 al 19 aprile| Castiadas Centro – Teatro Sa Mandria

Una grande festa dedicata al mondo della bicicletta per tutto il fine settimana animerà Castiadas con una mostra mercato, “biciclettata” per famiglie, trekking, proposte di intrattenimento musicale, laboratori didattici per bambini, presentazioni libro, mostre d’arte e tanto divertimento.

www.sardegnaeventi24.it/evento/11788-6_edizione_di__felici_in_bici__di_castiadas/

#TOP OF THE WEEK: dal 16 al 22 marzo

In agenda dal 16 al 22 marzo #TOPOFTHEWEEK segnala:

ROMA

roma casaidea

– CasaIdea 2015. Il design fiorisce a primavera

Dal 21 al 29 marzo | Nuova Fiera di Roma

È il dettaglio che fa la differenza e la primavera, con la sua esplosione di colori, porta con sé tante novità. Anche nel design: torna alla Nuova Fiera di Roma l’appuntamento con Casaidea, la Mostra dell’Abitare organizzata da MOA Società Cooperativa, giunta quest’anno alla sua 41a edizione.

www.moacasa.com/Casaidea

 

roma– Verso l’infinito e oltre…con Papà

Venerdì 20 marzo ore 20:30 | Osservatorio Astronomico di Roma, via Frascati 33

In occasione della Festa del Papà, tutti i bambini avranno la possibilità di costruire colorare e personalizzare un vero e proprio razzo “spaziale” ad acqua per poi lanciarlo in aria con l’aiuto degli astronomi dell’Osservatorio.

roma.lenuovemamme.it/verso-linfinito-e-oltre-con-papa-allosservatorio-di-roma

MILANO

milano– Irlanda in Festa

Fino al 17 marzo| Spazio ex Ansaldo, via Tortona 54

San Patrizio all’insegna di musica, birra, gastronomia e folklore

www.milanotoday.it/eventi/sagre/festa-irlanda-13-17-marzo-2015.html

 

BOLOGNA

bologna– Irlanda in Festa

Fino al 17 marzo | Parco Nord di Bologna

Una delle più grandi rassegne in Europa dedicate alla musica, alla gastronomia, alla birra e al folklore dell’isola del trifoglio per il St. Patrick’s  Day. Per il nono anno consecutivo il Parco Nord accoglierà curiosi e appassionati desiderosi di immergersi nelle atmosfere festose dell’isola verde.

www.bolognadavivere.com/2015/03/dal-13-al-17-marzo-irlanda-in-festa-al-parco-nord-di-bologna

 

NAPOLI

napoli– Visual-E. Rassegna di arti visive e performative

Venerdì 20 Marzo | Lido Pola, Pozzuoli

Ultimo appuntamento con Visual-E. In occasione dell’atteso evento si esibiranno artisti e performer in varie discipline, dal teatro alla video-arte e alla pittura estemporanea.

www.napolitoday.it/eventi/visual-e-lido-pola-13-febbraio-20-marzo-2015.html

FIRENZE

firenze– Festa della frittella di Montefioralle

21 e 22 marzo ore 15:00| Comune di Greve in Chianti, Via Montefioralle Greve In Chianti

Festa popolare in occasione di San Giuseppe. Le “frittelle di San Giuseppe” rispettano l’antica ricetta delle massaie contadine, verranno fritte in piazza, nel padellone gigante dal diametro di due metri, e servite accompagnate da vino e vinsanto di Chianti Classico.

www.tuttocitta.it/eventi/greve-in-chianti/22-marzo-2015_22-marzo-2015/festa-della-frittella-di-montefioralle

RICCIONE

riccione– Giardini d’Autore.

Dal 20 al 22 marzo | Villa Lodi Fè, viale delle Magnolie

Torna l’appuntamento con Giardini d’Autore, la rassegna florovivaistica dedicata a tutti gli appassionati di giardinaggio a Villa Lodi Fè Riccione.

giardinidautore.net

ITALIA

italia– Queen Rock  Montreal

Dal 16 marzo | Cinema Italiani

I Queen, la rock band più grande di tutti i tempi, torna in sala con il leggendario concerto Queen Rock Montreal, una delle migliori performance live di sempre dei Queen.

www.comingsoon.it/news/?source=cinema&key=41151

Brunch… che passione!

Nato per soddisfare i vizi delle persone very important che – risvegliandosi nelle suite di grandi hotel metropolitani, ben oltre il breakfast time – pretendevano un’abbondante colazione anche se per i comuni mortali era già l’ora di pranzo. Erano gli anni ’70 ed era l’America. È l’origine del Brunch, in equilibrio tra Breakfast e Lunch, tra dolce e salato, tra un viziato broker di Wall Street, un affamato skater a Central Park e una tradizionale famigliola nel New Jersey.

Negli anni ’80 sinonimo di edonismo, nel presente rituale mondano per american dreamer… e non solo. Quando BReakfast (colazione) e lUNCH (pranzo) si fondono, sregolati, modaioli, viziosi, senza tempo, tutti lo chiamano BRUNCH.

Si consuma il sabato e la domenica, tra le 11 e le 16, non vuole ordine nella scelta delle portate, né limiti di tempo per gustarle. Amato soprattutto da quelli che, come canta Ligabue in Tutti vogliono viaggiare in prima, “si svegliano alle tre e dicono che i giorni sono corti”.

Entrato nelle nostre case, passando dalla televisione o per le pagine dei libri, il brunch è ormai apprezzatissimo dai più, perché consente di rivivere quelle scene da protagonisti ma anche perché permette di mixare gusti e sapori. Caffè, uova, sciroppo d’acero, cereali, bacon, frutta, yogurt, pancake, salumi, torte, carni, formaggi, succo d’arancia, pasta, salmone, ogni genere di cibo può occupare uno spicchio nel piatto ordinato “all’ora del brunch”.

I migliori restano quelli preparati in casa ma tra i più meritevoli…

…a Roma

Bakery House

bakery house roma

 

The Perfect Bun

The perfect bun

…a Milano

California Bakery

california-bakery

Are you hungry?

IL GUSTO DEL GELATO ITALIANO… ALL’ESTERO

Il gelato artigianale è sicuramente un alimento equilibrato e ben bilanciato, contiene molte meno calorie rispetto alla stessa quantità di molti altri dessert, ha una buona digeribilità e un alto potere energetico, contiene vitamine e antiossidanti e… non teme la crisi, forse proprio per tutte queste qualità.

gelL’Italia è capofila in Europa nel settore con il 36% del totale delle gelaterie presenti nei Paesi dell’area UE e continua ad espandersi all’estero, dove ci sono ben 7.000 gelaterie con il bollino made in Italy.

Nel nostro Paese ci sono 39.000 punti vendita, 62 ogni centomila abitanti, e potrebbero essercene ancora di più se si pensa che ognuno di noi consuma in media 6 Kg di gelato ogni anno per una spesa totale che tocca i 2 miliardi.

E non mancano le scuole: le Accademie Carpigiani, fondate dall’omonima azienda, oltre ad organizzare corsi in Italia, si occupano di istruire a quest’arte anche il resto del mondo organizzando ogni anno 400 corsi in 10 lingue.

Un settore quindi che non cede al calo dei consumi e che, dopo aver conquistato Europa e Stati Uniti, è arrivato anche in Medio Oriente, dagli Emirati Arabi all’Oman.

E una catena come Grom, partendo da Torino, si è già spinta fino a Giacarta e ora sta per sbarcare in Indonesia con l’apertura di una quarantina di negozi.

 

 

Expo Milano 2015: universali Expo-sizioni Extra-sensoriali

Expo Milano 2015 si appresta ad essere il più grande evento gastronomico dell’anno. Dal 1 maggio al 31 ottobre, Milano accoglierà le esposizioni degli oltre 140 paesi partecipanti all’iniziativa. I numeri della manifestazione internazionale prevedono  circa 1 milione di metri quadri e oltre 20 milioni di visitatori attesi nella Capitale Lombarda.

A cavallo tra avanguardia e tradizione, Expo è un luogo di assaggio dei migliori piatti del mondo, sede di eventi artistico-musicali, convegni ,mostre e laboratori creativi, il tutto nel rispetto degli equilibri naturali del pianeta. “Nutrire il pianeta, energia per la vita” è infatti il tema a cui si ispira l’intera manifestazione.

La maggior parte dei padiglioni prevede iter espositivi di grande impatto, ideati per immergere i visitatori in un’atmosfera unica ed extrasensoriale in grado di coinvolgere ben più delle sole papille gustative. Ponte tra futuro e tradizione, le architetture ideate dai 145 paesi aderenti prevedono percorsi interattivi volti a stimolare una partecipazione attiva dei visitatori.

Tra i padiglioni è sfida architettonica

Dead line fissata alla fine di gennaio per quanto riguarda la chiusura delle architetture dei padiglioni in mostra dal 1 maggio a Milano. Mancano meno di 100 giorni all’apertura di Expo Milano 2015 ed è ancora gara aperta per realizzare il padiglione più straordinario, all’insegna della sostenibilità. Lo specifico piano di monitoraggio ambientale, infatti, ha imposto agli oltre 140 paesi aderenti l’utilizzo di materiali riciclabili ed ecosostenibili nella costruzione dei padiglioni.

Tra i più sorprendenti quello del Kuwait, ispirato alle vele dei dhow (tradizionali barche a vela arabe) racconterà la storia di un paese ricchissimo di petrolio e molto povero d’acqua che ha applicato le tecnologie più avanzate per vincere le condizioni naturali avverse. L’architettura prevede la di presenza di una facciata laterale progettata come serra esporre le molteplici varietà di piante idroponiche del paese.

La Germania colpisce invece per le dimensioni. Con 4.933 metri quadri lo spazio espositivo tedesco è tra i più grandi  all’interno della manifestazione. Ispirato ai campi agricoli e alla natura floreale, il padiglione  vedrà una base ricoperta di “piante” verdi  a simboleggiare il germoglio delle idee. L’obiettivo è di rendere visibile ai visitatori l’importanza di tutelare la natura per la sicurezza alimentare.

Dinamico e attrattivo, il padiglione degli Stati Uniti, vuole raccontare la storia del cibo americano tra innovazione, nutrizione e salute. L’edificio interamente sostenibile, è un omaggio all’agricoltura americana e prevede una struttura verticale dalla quale ogni giorno si otterrà un raccolto.
Palazzo-Italia-Expo Il Palazzo Italia è una delle  strutture che rimarrà alla città  dopo la chiusura dell’Expo, come  lascito della manifestazione, con  destinazione d’uso ancora da  stabilire. I progettisti hanno  concepito l’architettura del  Padiglione Italia come una  comunità riunita attorno alla sua  piazza, in cui ogni visitatore  potrà immergersi nell’atmosfera tipica della tradizione italiana. Oltre a Palazzo Italia, il padiglione made in Italy, si estende lungo il viale del Cardo dove avranno luogo numerose attività gastronomiche e non. In una sorta di “foresta urbana” ad impatto ambientale zero, vetro fotovoltaico e cemento fotocatalitico contribuiranno ad assorbire lo smog di Milano. I 2.550 metri quadrati di spazi espositivi conterranno un auditorium, un ristorante, sale convegni e  bar,  oltre che l’attesissima terrazza panoramica con vista sull’intero sito espositivo.

Questo e molto altro in mostra ad Expo Milano 2015: dove architettura, cibo, cultura e sostenibilità si fondono “NATURALMENTE”.

 

 

 

Wedding Tourism, a Roma arriva la Borsa del Matrimonio in Italia

Amal -clooney - wedding - tourism

Amal e George, il simbolo del Wedding Tourism made in Italy

Italia: terra d’ama(o)re e di…matrimonio, specialmente per le coppie estere! Toscana, Puglia, Costiera Amalfitana, Umbria, Veneto: in Italia non mancano luoghi incantevoli per sposarsi. Da Justin Timberlake e Jessica Biel, convolati a nozze nel Salento, a Tom Cruise e Katie Holmes, che hanno scelto il lago di Bracciano, alla recentissima unione di George Clooney e Amal Alamuddin nella romanticissima Venezia.

Wedding Tourism, il trend che dà i numeri

Sposarsi in Italia è il trend del momento, un trend decisamente proficuo, dato che lo scorso anno il fatturato totale del settore è stato di 315 milioni di euro. Tra questi 87 milioni per la sola cerimonia, 22 mln per i viaggi di nozze e oltre 204 mln spesi dagli ospiti che attraversano oceani e catene montuose per raggiungere gli sposi. Senza tener conto della figura dell’anno, quella del wedding planner, e di tour operator specializzati. Per il 2014, il fatturato del wedding tourism potrebbe raggiungere i 441 milioni di euro! Secondo la Federconsumatori gli stessi italiani, con circa 25.000 matrimoni all’anno, vantano una spesa media a coppia fra le più alte, che si aggira intorno ai 27.000 euro.

matrimonio-wedding-tourism-italyLa certezza di un wedding tourism così solido ha fatto nascere l’idea di creare a Roma la prima edizione della Borsa del  matrimonio in Italia (BMII), un appuntamento che si svolgerà nel salone delle Fontane all’Eur il 12 e 13 novembre e che vedrà la partecipazione di 80 buyer internazionali e 120 seller italiani. L’idea di questo evento è di Ottorino Duratorre, Presidente di Roma Fiere e da 27 anni curatore di Roma Sposa, e nasce dal costante aumento del numero di coppie straniere che scelgono il nostro Paese e che hanno bisogno di una solida organizzazione. L’Italia è diventata negli anni un punto di riferimento del wedding tourism per Paesi come Cina, Giappone, America, Russia e molti Paesi Europei. Borsa del matrimonio in Italia è un’opportunità da non perdere per dare impulso ad un mondo che lavora per rendere indimenticabile un giorno così speciale!