Apple: arrivano le emoticon politically correct

Le emoticon – o smile, in italiano faccina – sono riproduzioni iconiche stilizzate delle principali espressioni facciali umane che rappresentano un’emozione (sorriso, broncio, ghigno, ecc.). Utilizzate prevalentemente su internet e negli sms, per aggiungere componenti extra-verbali alla comunicazione scritta.
pollice
Il frequente utilizzo delle “faccine” ha fatto si che la gamma di icone si ampliasse sempre di più fino ad arrivare alla riproduzione non solo di espressioni umane ma anche di quelle di animali e oggetti.

E così il simbolo del cuoricino è diventato il più diffuso sul web, seguito a ruota dal sorriso.

La Apple, sempre al passo con le nuove esigenze dei suoi utenti, ha deciso di lanciare in via sperimentale una serie di faccine differenziate per sesso ed appartenenza etnica. Lo scopo è rendere le emoticon più etnicamente e sessualmente diversificate: insomma, politicamente più corrette.

Nella nuova gamma di emoticon, infatti, fanno parte le coppie omosessuali, le famiglie con bambini con due padri o due madri e le coppie interrazziali.

resize

C’è da dire che, per quanto riguarda la scala dei colori, il nero sembra più ben riuscito del giallo troppo marcato. Tuttavia nonostante i passi in avanti, c’è ancora un importante gruppo di persone che manca nella nuova gamma di icone: quelle dai capelli rossi. In merito a ciò sembra che già 1600 persone abbiano firmato una petizione che rivendichi la presenza dei “ginger” tra le emoticon.

Su questa scia, la lista di richieste aumenterà e ognuno di noi vorrà essere in qualche modo rappresentato con le sue caratteristiche.Apple-lancia-le-emoji-rispettose-di-gay-e-minoranze

Il paradosso? Con lo smartphone tra le mani si ritorna ai geroglifici!