Netflix. Il futuro della tv on demand è arrivato

Netflix è la tv on demand via internet che sta cambiando le abitudini del pubblico nel mondo e che è appena sbarcata in Italia, sfidando i canali generalisti a colpi di film e serie tv a prezzi stracciati.

Le parole di Reed Hastings – fondatore di Netflix – lasciano poco spazio all’incertezza in merito all’annunciato successo della streaming tv, dal 22 ottobre disponibile anche in Italia: “Facciamo un buon lavoro. Ma la verità è che diamo risposta ad una richiesta: poter vedere quel che si vuole, quando si vuole e a prezzi contenuti. Per questo fra dieci o venti anni la tv tradizionale non ci sarà più”.finale

Semplice ed economico

Per vedere ciò che si vuole, quando si vuole bastano una connessione internet e una smart tv compatibile, in alternativa un lettore blu-ray o una comune console da gioco andranno benissimo oltre ai vari dispositivi mobili quali smartphone e tablet, ovviamente. Il prezzo? Tre diverse tariffe di abbonamento a disposizione, distinte per qualità e numero di accessi in simultanea, che non hanno nulla a che vedere con i competitor. La base, infatti, è di 7,99 euro ed offre contenuti di qualità standard accessibili da un solo dispositivo tra quelli compatibili. Si prosegue con una proposta standard da 9,99 euro, per fruire di contenuti in full HD da due dispositivi a scelta, e infine l’opzione premium, nel nome ma non nel costo, da 11,99 euro che offre contenuti Ultra HD in 4K, accessibili da quattro dispositivi diversi.

Sì a film, serie e documentari. No a sport e talent

L’offerta di contenuti è argomento di differenziazione tra Netflix e i suoi competitor. La streaming tv da poco approdata in Italia, infatti, ha scelto di escludere dai contenuti sia le dirette sportive sia i talent show, almeno per ora. Una decisione importante e in parte limitante che promette però tante novità in esclusiva sul fronte cinematografico e documentaristico. Ad ampliare l’offerta non mancheranno le serie tv: tra i tiri giunti a segno di Netflix è infatti impossibile non citare la trasmissione esclusiva di telefilm di successo come House of cards e Orange is the new black. Proprio queste due serie devono la propria fama a Netflix, che li ha scoperti, trasmessi e poi ceduti ad altri in tempi non ancora maturi per i diritti esclusivi. La tv on demand annuncia anche i titoli delle cosiddette produzioni originali, come le serie realizzate ad hoc per la piattaforma. Daredevil, Marco Polo, Bloodline, Unbreakable Kimmy Schmidt, Chef’s table, Sense 8, Narcos, solo per citare le principali.Netflix-Daredevil

Il primo mese è di prova: che il futuro abbia inizio!

 

I 10 vestiti da sposa più belli delle serie TV

In ogni serie TV che si rispetti arriva sempre il momento di una puntata dedicata a un matrimonio. I registi non possono fare a meno di inscenare una delle giornate più spettacolari nella vita dei personaggi e gli spettatori (ma soprattutto le spettatrici, pronte alla lacrimuccia di rito) ne vanno letteralmente pazzi. Qui abbiamo raccolto i dieci migliori vestiti da sposa che la storia recente delle fiction americane ci ha regalato. Almeno secondo il nostro – esperto – parere.

10° posto
Becky – Gli amici di papà (1987)

becky-fullhouse

9° posto
Leslie – Parks and Recreation (2009)

Leslie-parks
8° posto
Monica – Friends (1994)

monica-friends

7° posto
Grace – Will & Grace (1998)

grace-willandgrace

6° posto
Serena – Gossip Girl (2007)

serena-gossipgirl

5° posto
Callie and Arizona – Grey’s Anatomy (2005)

best-tv-wedding-dresses-callie-arizona-wedding-greys-anatomy

4° posto
Robin – How I met your mother (2005)

robin-himym

3° posto
Miranda – Sex and the city (1998)

miranda-sexand

2° posto
Blair – Gossip Girl (2007)

blair-gossipgirl

1° posto
Rachel – Friends (1994)

rachel-friends

Forse in alcuni casi è stato l’affetto per alcuni personaggi a vincere sulla reale bellezza estetica dei capi, ma a NewsCast siamo troppo sentimentali. Se ci fossimo dimenticati qualche matrimonio televisivo non trascusrabile o qualche abito da sposa imperdibile, fatecelo sapere commentando questo post o scrivendoci sulla pagina Facebook di NewsCast.